Agricercando sbarca ad Accumoli

AGRICERCANDO SBARCA AD ACCUMOLI, UNO STAND PER PROMUOVERE ECCELLENZE LOCALI E FILIERA CORTA

  • 09/04/2018

Il progetto Agricercando continua il suo itinerario tra le eccellenze del Lazio. Domenica 8 aprile è stato il turno di Accumoli dove, presso il centro commerciale Monti della Laga, i volontari di Konsumer hanno montato uno stand per avvicinare cittadini e produttori sotto le proprie bandiere.
Una giornata ricca di scambi, in cui si sono raccontate storie e raccolte speranze. “Dopo il terremoto la nostra produzione è stata totalmente ferma per mesi a causa del crollo dei nostri capannoni, - dice Rita, titolare di un’azienda produttrice di dolci, ai microfoni di Konsumer-, e solo la solidarietà delle persone, unita all’attività della Coldiretti, ci ha aiutato a rimettere in piedi, almeno in parte, la nostra azienda, che al momento produce in un forno che ci ospita a Roma. Ma c’è davvero ancora molto da fare, tanto per i produttori quanto per i cittadini”.
Il tessuto produttivo è ancora vivo e desideroso di promuoversi e la giornata ha avuto il pregio di avvicinare i produttori di formaggi, salumi, pani e carni ai consumatori, creando un momento di confronto e di diffusione di materiale informativo utile a generare “cultura” sui temi di Agricercando.
“Siamo venuti ad Accumoli per mostrare la  nostra vicinanza a questo territorio ferito ed avvicinare i cittadini ad agricoltori, allevatori ed imprenditori locali che tanto stanno faticando per continuare produzioni che, in molti casi, vantano decenni di storia,  -commenta Fabrizio Premuti, Presidente Konsumer Italia-. Promuovere le eccellenze del Lazio, valorizzando le differenze attraverso  la voce dei diretti interessati, significa creare concretamente circuiti di produzione e consumo virtuosi, rivolti ad acquisti consapevoli e soprattutto di qualità”.
Agricercando continuerà il suo percorso prossimamente, anche qui nell’alto Lazio, per promuovere la lotta agli sprechi alimentari, valorizzare le produzioni locali, la filiera corta e l’economia circolare.