I cittadini di Roma Est si mobilitano contro la discarica

  • 02/05/2015

I cittadini di Roma Est sono in rivolta: ieri sera decine di Comitati di quartiere, associazioni, consorzi di un’area che va dalla Tiburtina alla Casilina, in pratica tutto l’ex Municipio VIII, si sono incontrati per discutere dei disagi provocati dal centro di raccolta “Trattamento e Valorizzazione dei Rifiuti Urbani” di Rocca Cencia.


La discarica, entrata in esercizio nel 2006,  è fonte di miasmi insopportabili che minano la salubrità dell’aria di una zona dove appena due settimane fa sono stati trovati rifiuti speciali, bidoni e grossi sacchi neri (con il conseguente sequestro di 46 ettari di terreni privati situati a ridosso delle abitazioni di circa 150 famiglie). La popolazione è esasperata e ha anche molta paura dell’ecodistretto, che dovrà essere inaugurato proprio a Rocca Cencia: «Konsumer Italia è a fianco dei cittadini del quadrante Est di Roma – incalza il Presidente Fabrizio Premuti ? è impossibile non pensare al degrado generale in cui versano ormai ampie zone della periferia romana, che tra l’altro sono ricche di verde ed archeologia. Le Istituzioni locali hanno perso ogni sensibilità e contatto dalla vita reale e dal disagio dei cittadini: ora, o si ascoltano le istanze dei residenti, o le intemperanze delle frange più estreme e pericolose rischiano di innescare situazioni a cui Roma e i romani ritenevano di essere immuni ed a cui l’esasperazione li sta avvicinando. Cari politici: svegliatevi adesso! Associazioni, consorzi, comitati possono essere il deterrente naturale delle intemperanze, ma solo quando siano in grado di dare risposte ai cittadini. In questo momento la politica dei partiti impedisce qualsiasi risposta, anzi, rifiuta il confronto costruttivo e deflattivo che la situazione imporrebbe».

Le associazioni e i comitati denunciano altri gravi disagi nell’area ad Est di Roma: BASF e Nieco a Case Rosse, cementificio di Guidonia, discarica dell’Inviolata, Chimeco a Setteville, TMB a Rocca Cencia, le cartiere e la Trelleborg a Tivoli, le cave di travertino. Per manifestare contro questo stato di abbandono, annunciano una mobilitazione con marcia dal Parco di via Riserva Nuova fino al Centro Ama di Via Rocca Cencia, sabato 29 novembre.