Castelli Romani – Associazioni, sindaci e cittadini in piazza contro i (DIS)servizi di Poste Italiane

  • 23/01/2015

KONSUMER ITALIA, ACU e MDC sono scesi in piazza a Colonna per protestare contro i (DIS)servizi di Poste Italiane in molti comuni dei Castelli Romani, ieri mattina in diretta a “Mi Manda RaiTre”.


In studio il Presidente di Konsumer Fabrizio Premuti, in piazza tanti cittadini esausti e uno stuolo di fasce tricolori. Oltre al primo cittadino di Colonna Augusto Cappellini (promotore dell’iniziativa assieme alle Associazioni dei Consumatori), c’erano infatti i sindaci di Segni, Maria Assunta Boccardelli; di Monte Porzio Catone, Emanuele Pucci; di Frascati, Alessandro Spalletta; di Zagarolo, Giovanni Paniccia; Pietro Panzironi di San Cesareo e il Presidente del Consiglio Comunale di Grottaferrata Luigi Spalletta. Tutti assieme per unire le proprie voci, che da troppi anni si perdono nel vuoto: proprio come laKONSUMER ITALIA, ACU e MDC sono scesi in piazza a Colonna per protestare contro i (DIS)servizi di Poste Italiane in molti comuni dei Castelli Romani corrispondenza mai recapitata (o recapitata con colpevole ritardo) da Poste Italiane.

GUARDA IL VIDEO DELLA PIAZZA

“Poste Italiane senza la posta non esiste” ? sceglie uno slogan d’esordio infelice Giorgio Gerardi, dell’assistenza clienti di Poste Italiane, in diretta dagli studi di Mi Manda RaiTre. Gli risponde sarcastico Fabrizio Premuti: «Dato che Poste c’è ed è pronta ad accogliere tutti se si richiede un servizio finanziario, o se si vogliono acquistare motorini e frullatori, ma di fatto non consegna più la posta, dovremmo allora cambiargli il nome in “Supermercato Italiano”; almeno i cittadini saprebbero cosa aspettarsi”. Lo segue a ruota l’avvocato Antonio Spadafora, che incalza Gerardi con un “carta canta”, e, brandendo la “Carta della qualità di Poste Italiane”, gli ricorda che è previsto un indennizzo in caso di ritardo di consegna con dolo. Visibilmente in difficoltà, il rappresentante dell’azienda postale si lascia strappare quindi una promessa di risarcimento e aggiunge: «Contiamo di portare alla normalità i servizi nell’area dei Castelli Romani tra la fine di questo mese e gli inizi di febbraio».

Dal canto loro, i sindaci protestano sconsolati: «Non abbiamo strumenti nei confronti di Poste Italiane, il problema è che ci sono pochi portalettere. Il Sindaco diventa spesso il parafulmine delle proteste dei cittadini, e allora cosa può fare? Si mette la fascia e protesta!».

GUARDA L’INTERVISTA AI SINDACI

KONSUMER ITALIA, ACU e MDC continueranno a monitorare la situazione e a vigilare: «Le parole se le porta via il vento – rincara Premuti – come le raccomandate, che poi si trasformano in cartelle esattoriali astronomiche. Stavolta vogliamo i fatti, altrimenti tra due settimane ci rivediamo qui». Intanto il sindaco Cappellini ricorda che «a Colonna ogni martedì dalle 16 alle 19 è attivo lo Sportello del Cittadino, dove è possibile incontrare i professionisti di Konsumer Italia, pronti ad assistere gratuitamente i consumatori che vorranno far valere i propri diritti».

 Andrea Scandura

ufficio.stampa@konsumer.it

Konsumer con la Protesta dei Sindaci dei Castelli per l'ufficio postale