Alitalia cancella il Mezzogiorno

  • 03/05/2015

La decisione di Alitalia di cancellare dal primo ottobre tutti i collegamenti da Torino per il Sud ha dell’incredibile.


Non solo i cittadini del Piemonte non potranno più raggiungere la Calabria usando un aereo, ma i tagli dei voli per Alghero, Bari, Catania, Lamezia, Napoli (rimarrà solo un volo al giorno), Palermo e Reggio Calabria rappresentano «una discriminazione su rotte complessivamente profittevoli – dichiara il Presidente di Konsumer Italia, Fabrizio Premuti ? che rischia di isolare ancora di più il Sud Italia dal resto del Paese. In particolare la Calabria».

In effetti secondo i vertici di Sagat, la società che gestisce l’aeroporto di Caselle, «il traffico generato complessivamente dalle tratte che saranno cancellate supera il mezzo milione di viaggiatori all’anno e si tratta di rotte redditizie, caratterizzate da alti coefficienti di riempimento». Con la riorganizzazione legata all’ingresso di Ethiad, invece, l’ex Compagnia di bandiera assicurerà solo i voli per Roma e Tirana: «Se questo è l’antipasto dell’intervento di Ethiad in Alitalia stiamo proprio messi bene – continua Premuti ?. Torino e il Piemonte vengono fondamentalmente ignorati da Alitalia e trattati alla pari di un qualsiasi scalo minore, con il pericolo di vanificare il trend positivo avviato dallo scalo di Caselle negli ultimi mesi. È ancor più grave, infatti, che gli esuberi pretesi da Ethiad si stiano trovando proprio laddove la Compagnia faceva il pieno».