17Jan2020

Buoni fruttiferi postali: recuperati altri 24mila euro grazie a Konsumer

Arriva una nuova vittoria per Konsumer Italia, che ha sostenuto i risparmiatori in una dura lotta per vedere riconosciuti i loro diritti sui fruttiferi postali.

Il Tribunale di Milano, con una sentenza dello scorso 10 gennaio, ha infatti riconosciuto che l’art. 4 del DM 13.6.1986 fa riferimento alla tabella stampata sui buoni fruttiferi postali, e qualora l’ufficio postale in sede di emissione di titoli appartenenti alla serie Q utilizzi moduli della serie precedente P - senza correggere interamente i rendimenti trentennali della tabella - è tenuto poi, ad adempiere al contratto con il sottoscrittore pagando quello che risulta dal tenore del titolo, anche a condizioni maggiori rispetto a quelle normativamente stabilite.

Poste Italiane s.p.a. è stata così condannata a pagare 24mila euro quale liquidazione di buoni fruttiferi per importi non maggiorati di interesse secondo il tasso legale.

Fabrizio Premuti, Presidente nazionale Konsumer Italia, sul caso ha dichiarato: "Siamo felici di una sentenza estremamente lineare e decisamente innovativa, che dà ragione su quanto sostenuto fin dall'inizio dall'avv. Marisa Franca Costelli, responsabile nazionale risparmio postale. Alla legale va il nostro ringraziamento per il suo egregio lavoro e per le numerose vittorie su questo argomento. Sui diversi contenziosi l'autorità sta chiedendo a Poste Italiane di restituire gli interessi non versati, ma dovuti ai risparmiatori. Riconoscendo il ruolo contrattuale dei buoni è stato confermato che Poste italiane ha violato le disposizioni in merito e finalmente è stato garantito ai nostri assistiti il rendimento differente, riportato a tergo del buono stesso. Tutti coloro che stanno vivendo la stessa problematica, o che hanno dubbi sui buoni sottoscritti potranno chiedere info e assistenza presso i nostri sportelli collocati in tutta Italia."

 

Ufficio stampa Konsumer Italia